mercoledì 27 luglio 2016

Io prima di te - Jojo Moyes

Salve lettori? Come state? Il caldo vi sta uccidendo?
Qualche giorno fa ho finito di leggere un libro, ma ho deciso di fare la recensione solo adesso perché mi serviva un po' di tempo per metabolizzare. Il libro in questione, da come avrete letto nel titolo, è "Io prima di te" di Jojo Moyes. Iniziamo!


Titolo: Io prima di te
Autore: Jojo Moyes
Pagine: 312
Prezzo: 13 €
Editore: Mondadori

Trama
A ventisei anni Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione.
A trentacinque anni Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima e che l'ha inchiodato su una sedia a rotelle gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti.
Nessuno dei due, comunque, sa che la propria vita sta per cambiare per sempre.

Recensione
Fin dalla sua uscita sono sempre stata molto scettica nei confronti di questo libro. Ho sempre pensato fosse uno dei soliti romanzi rosa senza capo né coda. Quando però ho notato che questo libro iniziava ad essere sulla bocca di tutti, ma soprattutto che tutte le persone lo elogiassero, ho pensato che fosse arrivato il momento giusto per leggerlo e farmi un'idea mia.
Il libro si apre con un capitolo ambientato nel 2007 in cui ci viene descritta, a grandi linee, la vita di Will, un uomo d'affari, fidanzato, che ama la vita. A causa però di uno sfortunatissimo incidente, si ritroverà a dover passare il resto dei suoi giorni su una sedia a rotelle.
Il libro viene narrato, per quasi tutti i capitoli, dal punto di vista di Louisa, una ragazza ordinaria, con un lavoro come barista in un locale ordinario e con una famiglia piuttosto ordinaria. Tutto viene stravolto quando il bar in cui lavora deve chiudere e lei si trova a dover cercare in fretta un altro lavoro, dato che l'intera famiglia si affida al suo stipendio. Dopo aver provato diversi lavori che non facevano per lei, decide di andare a fare un colloquio per una famiglia a cui serviva una persona che facesse compagnia al figlio tetraplegico, Will.
Da qui in poi il libro diventerà una lotta tra Louisa e Will, una lotta psicologica che entrambi si fanno a vicenda. Lei cerca di convincerlo a convivere con ciò che gli successo, mentre lui la sprona a non accontentarsi ma di vivere la vita in ogni sfaccettatura.
Un libro che affronta temi molto delicati come l'eutanasia, la disabilità, le barriere architettoniche che purtroppo sono ancora molto presenti nella nostra società, ma soprattutto da una lezione molto importante: vivere la vita nella sua interezza.
Questo libro mi ha colpita dritta al cuore. Un amore vero e puro che va al di là delle differenze.


5/5